Leslie West - Soundcheck

Leslie West - Soundcheck

A quasi mezzo secolo di distanza dalla storica esibizione di Woodstock nel 1969, il carismatico frontman dei Mountain festeggia il settantesimo compleanno con la pubblicazione di un nuovo album che vale la pena di scoprire. Avrà anche una gamba in meno, ma il "montagna", come lo chiamavano prima di perdere tanto peso, è sempre un peso massimo del rock.

Leslie West - Soundcheck

Personaggio anomalo ma molto più influente di quanto gli venga oggi riconosciuto, Leslie West è un chitarrista con solide basi nel rock-blues (alcune le ha create lui stesso...), originale nell'aspetto e anche in qualche scelta come quella di un "semplice" Les Paul Jr in parte della carriera iniziale. "Pesante" e tosto come si deve, cantante grintosissimo e strumentista dotato di vibrato eccellente (uno dei suoi trademark) nonché di un suono grande e grosso almeno quanto lui, di un feeling e di un tiro che molti suoi più giovani colleghi non si sognano nemmeno.

Se vi chiedete perché West e i suoi Mountain sono considerati da qualcuno fra i precursori del moderno heavy metal forse potete credere a Ritchie Blackmore quando ricorda che fu proprio "Mississippi Queen" della band americana a portare i Deep Purple alla svolta dello storico album In Rock. All'epoca lo stesso Pete Townshend invitava West in studio per collaborare alla lavorazione di Who's Next e ne riceveva in regalo (indovinate?) un Les Paul Jr, ma se le chiacchiere non fossero sufficienti provate ad ascoltare "Here For The Party" o "Empty Promises Nothing Sacred" con il suo incipit che è un esplicito omaggio ad Angus Young e soci... forse altri ammiratori d'annata. West non scherza!

Soundcheck parte bene con "Left By The Roadside To Die", in cui un synth introduce il ruggito del vecchio leone e la ritmica intrigante della sua acustica, prima di un torrido assolo slide che ne esprime le migliori doti melodiche... come dice lui stesso: "quando penso ad un assolo, penso a una canzone dentro la canzone!". Forse si poteva fare a meno della versione gospel in minore della folksong "You Are My Sunshine", ma quando ci si alterna alla solista con Peter Frampton si può anche perdere il senso della misura.
"A Stern Warning" è una robusta schitarrata acustica fra blues e raga indiano in cui West dimostra con chiarezza il noto teorema che vede il suono nelle mani del chitarrista e non solo nello strumento.
La breve versione acustica di "Stand By Me" è un personale tributo a Ben E. King, da poco scomparso, mentre "People Get Ready" è il classicone di Curtis Mayfield che tutti conoscono, cantato da West con l'usuale veemenza e spinto a dovere dalla sua elettrica.

Leslie West - Soundcheck

Tosta come poche altre "Going Down", ripresa da una registrazione di una decina di anni fa con Bonnie Bramlett alle armonie vocali e Brian May che fa del suo meglio per proseguire la festa dopo un assolo impressionante di West.
Non tutti i pezzi hanno lo stesso peso nel rappresentare il personaggio, ma neanche una "Eleanor Rigby" strumentale eseguita in solo dal bassista Rev Jones (francamente imbarazzante) riesce a compromettere quanto di forte e potente c'è nell'album. Soundcheck si conclude in bellezza con il ripescaggio di una jam con il compianto Jack Bruce, una "Spoonful" live cattivissima, registrata a fine anni ottanta in uno dei tanti momenti in cui la collaborazione fra i due artisti ha dato frutti più che notevoli, come nel super-trio West, Bruce & Laing.

Leslie West si affaccia al 2016 con i migliori intenti di girare in tour sia in USA che in Europa. Tanto di cappello e buon compleanno: speriamo festeggi il prossimo sul palco!

Stefano Tavernese

Tracklist:

1. Left By The Roadside To Die
2. Give Me One Reason
3. Here For The Party
4. You Are My Sunshine
5. Empty Promises / Nothin' Sacred
6. A Stern Warning
7. People Get Ready
8. Going Down
9. Stand By Me
10. Eleanor Rigby
11. Spoonful

Leslie West - Soundcheck

Tags


Autore


Stefano Tavernese

Storico collaboratore e infine anche direttore della trentennale rivista Chitarre, giornalista e ottimo musicista polistrumentista con un dichiarato amore per la chitarra & affini.