Legato - Qualche passo avanti...

Legato - Qualche passo avanti...
Nella lezione precedente abbiamo presentato le due tecniche base del legato, ovvero l'hammer-on ed il pull-off. In questa parte cercheremo di approfondire l'argomento dal punto di vista tecnico, sviluppando scioltezza e naturalità nell'esecuzione.Gli esercizi che seguono servono a sviluppare le due tecniche (hammer-on e pull-off) utilizzando tutte le dita in ogni punto della tastiera e su ogni corda. Non hanno niente di "musicale", fanno parte di quella categoria di esercizi definiti chiropratici, poiché ci concentriamo solamente sull'aspetto tecnico, sul movimento delle mani. Sono scritti e suonati a partire dal primo tasto, ma vanno praticati anche nelle altre zone della tastiera. Il loro "andamento" è per lo più scalare, sequenziale, le note cioè salgono o sendono secondo un unico movimento direzionale (ascendente e poi discendente). Sappiate però che esistono anche altri tipi di articolazione, che affronteremo in seguito, più movimentati e complicati ma per ora è bene esercitarsi a fondo su quanto segue.
Il primo esercizio fa lavorare le dita 1(indice), 2(medio) e 4(mignolo). Facendo riferimento al primo box, bisogna plettrare solamente le note in rosso. Le altre le aggiungiamo con l'hammer-on ascendendo e con il pull-off discendendo. Suoniamo in pratica il primo box (tre note per corda) plettrando la prima delle tre note da eseguire per ogni corda mentre le altre due le aggiungiamo con la tecnica dell'hammer-on.
Poi suoniamo, senza interromperci, il secondo box. Qui il discorso si inverte, infatti suoniamo la prima nota con il plettro, ma le altre due le aggiungiamo con il pull-off quindi discendendo. Fate riferimento alla trascrizione per ogni dettaglio tecnico.

      Ascolta l'esercizio 1 a 80 bpm Ascolta l'esercizio 1 a 120 bpm Una volta capito il meccanismo del primo esercizio, passare al secondo diventa semplice. Applichiamo gli stessi concetti ma stavolta utilizzando le dita 1, 3 e 4. Cambia la diteggiatura ma l'esecuzione rimane invariata.

Ascolta l'esercizio 2 a 80 bpm Ascolta l'esercizio 2 a 120 bpm Per completare questa sessione di pratica sul legato pratichiamo anche il terzo esercizio. Qui ci sono due scuole di pensiero: utilizzare le dita 1, 2 e 4 o 1, 3 e 4. Ripeterete sostanzialmente l'esercizio 1 nel primo caso, il 2 nel secondo, ma con una difficoltà in più: lo stretching. L'esercizio infatti copre cinque tasti anziché quattro! Per l'esecuzione valgono le stesse indicazioni sopraelencate.

Ascolta l'esercizio 3 a 80 bpm Ascolta l'esercizio 3 a 120 bpm Non dimentichiamo, infine, l'aspetto ritmico. Ogni esercizio è stato suonato a gruppi di sei note (una sestina per ogni click). Potete anche suonarli a gruppi di tre, l'importante comunque è eseguire a tempo l'esercizio. Fissate un tempo con il metronomo e provate tutti e tre gli esercici. Se riuscite a farne due su tre alla stessa velocità è necessario praticare quello che vi viene "meno bene" per correggere l'impostazione. L'obiettivo è suonare tutti gli esercizi alla stessa velocità in ogni parte della tastiera. Quelli più in gamba possono già applicare gli stessi concetti alle diteggiature tre note per corda analizzate nella lezione apposita.
Buon divertimento!

Tags


Autore


Redazione

La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!