Le acustiche Taylor 800 in versione Deluxe

Mettendo assieme le migliori caratteristiche delle linee 800 e 900 Taylor Guitars presenta una serie che acquista un suo carattere individuale fra materiali pregiati e selezionatissimi, accurati ritocchi strutturali e un occhio particolare alle esigenze dello strumentista.

Dopo aver definito il top della propria produzione con rinnovata attenzione a caratteristiche essenziali come lo spessore dei legni e la struttura stessa della cassa armonica, fino all'uso di colle e vernici in grado di migliorare ulteriormente la resa acustica degli strumenti, Taylor ritaglia per le 800 Deluxe una personalità ancora più netta.

Delle tre principali migliorie colpisce subito l'occhio l'armrest già sperimentato nella serie 900, elegante smussatura del bordo della cassa in corrispondenza dell'appoggio del braccio destro che qui assume un aspetto ancora più arrotondato.
Meno evidenti ma ancora pià importanti le catene della tavola armonica che vengono qui realizzate in abete Adirondack a ulteriore supporto della qualità sonora.
Infine, le meccaniche Gotoh 510 che offrono l'affidabilità e la notevole precisione nell'accordatura di un rapporto 21:1 della demoltiplica del meccanismo.

Tre sono anche i modelli che compongono la formazione inaugurale della serie Deluxe, la dreadnought 810e DLX, la 812ce 12-Fret DLX e la 814ce DLX, tutte caratterizzate dalla cassa in palissandro con top in abete, dall'amplificazione con sistema Expression System 2 e dall'elegante astuccio rigido in dotazione.

Già disponibile sul mercato italiano il solo modello 814ce DLX, una Grand Auditorium con cutaway in stile venetian ulteriormente ritoccata di recente nella timbrica fino a migliorare ulteriormente la risposta sulle basse frequenze.
In acero il binding, in palissandro il battipenna, in ebano la tastiera con intarsi in madreperla.

Maggiori informazioni sul sito web del distributore italiano Backline Srl.

Condividi questo articolo


Tags


Autore


Stefano Tavernese

Storico collaboratore e infine anche direttore della trentennale rivista Chitarre, giornalista e ottimo musicista polistrumentista con un dichiarato amore per la chitarra & affini.