La Cassa

La Cassa
Dopo esservi cimentati nella costruzione del manico potrete dedicarvi alla parte forse più divertente di tutto il lavoro: la costruzione del corpo. Come per il manico l'importante è avere già pronti tutti i disegni e le misure necessarie per poi partire da un blocco di legno con i lati ben in squadra fra loro; solo che qui il materiale che vi consiglio è l'ontano, sia per la sue caratteristiche tonali che fisiche, infatti ha un suono piuttosto ricco, pur essendo abbastanza neutro, è discretamente leggero ed è figurato quanto basta per poter anche essere rifinito con una vernice trasparente. In questo caso però, non è d'obbligo usare un monoblocco di legno ma, anzi sarebbero preferibili due pezzi incollati "a libro", cioè con le venature speculari, tantopiù se non siete sicuri della perfetta stagionatura degli stessi; in questo caso potremo o dividere la tavola originale in due parti che in seguito incolleremo con colle molto resistenti (viniliche a presa rapida o alifatiche come la "Titebond" americana) oppure, meglio ancora, scegliere due pezzi con venature simili o comunque particolarmente belle e figurate e procedere come sopra.Qualunque metodo scegliate, una perfetta stagionatura del legno qui è ancora più importante che per il manico, data la maggiore superficie; se la tavola non si rivelasse sufficientemente asciutta c'è infatti il pericolo concreto che col tempo si possano formare crepe di assestamento che rovinerebbero irrimediabilmente tutto quanto.
Una volta ricavata la vostra tavola, dovreste piallarla fino a raggiungere uno spessore di circa 45mm e fare in modo che i lati siano in squadra esattamente come già fatto per il manico.Quando sarà tutto pronto, la prima operazione da eseguire sarà anche qui il tracciamento della linea centrale di divisione che in seguito sarà indispensabile per tutte le altre fasi della costruzione e, di seguito, il riportare il resto del disegno con la carta carbone e una copia del disegno in scala 1:1 preparato prima.
Ripassato il disegno sulla tavola e controllate tutte le misure, con particolare attenzione al diapason dello strumento, si passerà allo sgrosso con una sega a nastro e alla rifinitura dei bordi, facendo bene attenzione al momento di tagliare le curve più strette, se per caso la lama non riuscisse a girare bene, evitate di insistere, sia perché potreste rovinare il legno, sia perché la stessa lama si potrebbe anche spezzare. Piuttosto fate dei tagli a raggiera nel punto critico, naturalmente senza intaccare quello che sarà il bordo della cassa.
Per il resto, valgono le stesse raccomandazioni fatte precedentemente, quindi anche per questo lavoro potrete utilizzare raspe, carta abrasiva e levigatrice orbitale, ma sempre con attenzione e senza esagerare con la rifinitura visto che i bordi durante la lavorazione si possono sempre rovinare.
A lavoro ultimato effettuerete con la fresatrice lo scasso per l'innesto del manico, stando attenti a lasciare un minimo di margine che lavorerete successivamente a mano con una buona lima.
In tal modo potrete innestare la porzione di tacco del vostro manico con la massima precisione possibile, a tutto vantaggio della robustezza e del sustain generale.Per installare il manico avvitandolo alla cassa sarà preferibile utilizzare almeno 4 viti con relativa piastra o boccole (in tal caso saranno necessari naturalmente anche i fori nel tacco del corpo per poterle incassare adeguatamente); questo tipo di fissaggio vi semplificherà parecchio il lavoro e vi permetterà, nel caso si renda necessario, di modificare l'inclinazione del manico con l'ausilio di semplici spessori di cartone o di lamina di legno.
Per creare tutte le altre cavità nella cassa si seguirà sempre lo stesso procedimento: fresatrice, una buona precisione e tanta pazienza; soprattutto però calcolate per bene la profondità di tutti gli alloggiamenti (pickups, ponte, manico, ecc.) e cercate sempre di non abbondare con l'ampiezza delle cavità, anche se dovessero venire nascoste alla vista, meno legno toglierete, tantopiù ne guadagnerà in suono e sustain il vostro futuro strumento!
Nel caso abbiate deciso di non usare una mascherina frontale, dovrete ricavare l'alloggiamento per l'elettronica sul retro del corpo, non prima naturalmente di aver calcolato alla perfezione la posizione di potenziometri, selettore e quant'altro sia necessario. Per facilitarvi il lavoro, sarà meglio che effettuiate preventivamente almeno i buchi dei potenziometri partendo dal fronte della cassa.
Una volta terminata anche questa fresatura (e quella del jack, nel caso debba essere installato in un'altra zona) non dovrete dimenticarvi assolutamente i "tunnel" dove far passare i collegamenti dei magneti, la messa a terra da collegare al ponte e il collegamento fra jack e controlli.Per fare tutto ciò sarà indispensabile una punta da almeno 4mm a passo lungo (20 cm o più); nel primo caso, basterà cominciare a forare dalla "parete" anteriore dello scasso del manico fino ad arrivare alla fresatura del pickup più vicino al ponte, negli altri casi, invece, potremo fare qualsiasi buco inclinato senza il pericolo di rovinare accidentalmente i bordi della cassa con il mandrino del trapano.
A questo punto, qualunque sistema abbiate deciso di adottare, non resta che fresare l'alloggiamento del tremolo con le relative molle; è una delle operazioni in assoluto più delicate e necessita di una precisione assoluta per cui ricontrollate con attenzione i disegni di questo particolare precedentemente riportati sulla cassa, la posizione e l'allineamento delle viti di ancoraggio e, ancora una volta, il diapason.
Nel caso vogliate installare un sistema tipo Floyd Rose, controllate bene l'inclinazione del manico e l'eventualità di effettuare o meno una fresatura supplementare sotto il tremolo in modo da poter "tirare" la leva anche all'indietro. Questo tipo di tremolo infatti risulta più alto dei tradizionali, per cui necessiterà quasi sicuramente di un manico maggiormente inclinato per riportare alla giusta altezza le corde rispetto alla tastiera.Se invece vorrete creare uno scasso supplementare sotto la piastra del Floyd (come d'altronde è su quasi tutte le chitarre di recente produzione che montano questo tipo di ponte), non dovreste necessitare di altre correzioni e, in più, se il lavoro verrà fatto bene, avrete la possibilità di poter tirare la leva anche all'indietro.
Per il resto, non rimane che effettuare tutti gli altri buchi necessari per i bottoni, eventuale battipenna, pickups, sportelli, ecc. e carteggiare tutta la superficie della cassa, con particolare attenzione ai bordi e agli spigoli a cui dovrete dare in modo uniforme la smussatura desiderata.
Inutile dire che più la superficie sarà liscia e priva di graffi e più semplice vi risulterà la successiva verniciatura.

Tags


Autore


Redazione

La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!