Dave Smith Instruments OB-6

Dave Smith Instruments OB-6

Al NAMM 2016 Dave Smith si è presentato in compagnia dell'amico Tom Oberheim per presentare l'OB-6, il nuovo sintetizzatore analogico a sei voci frutto della collaborazione di due mostri sacri tra i produttori di sintetizzatori.

Dave Smith Instruments OB-6

Già a partire dal look nell'OB-6 si intuisce la stretta collaborazione tra i due amici: le forme rimandano ad altri strumenti prodotti recentemente da Dave Smith, ma le serigrafie sul pannello comandi di colore blu su sfondo nero ricordano la serie storica di sintetizzatori OB di Tom Oberheim.
Dotato di una tastiera a 49 tasti semipesati con Aftertouch, l'OB-6 dispone di una catena di sintesi composta da due VCO per voce controllati in tensione (più un sub-oscillatore) con forme d'onda a variazione continua, e soprattutto il classico filtro Oberheim a 2 poli a stato variabile che fornisce comportamento passa-basso, passa-alto, passa-banda, e Notch; una sezione di amplificazione a tensione controllata completa il percorso del segnale, che rimane completamente analogico.
L'OB-6 include infine anche la modalità X-Mod, per modulare tra loro i due oscillatori.

Dave Smith Instruments OB-6

L'OB-6 dispone di effetti digitali a 24-bit/48 kHz, peraltro bypassabili: tra gli algoritmi disponibili segnalo i riverberi, i Delay, le modulazioni per Chorus e Flanger, nonché le emulazioni di effetti storici di Oberheim quali il Phase Shifter e il Ring Modulator. L'OB-6 dispone inoltre di un arpeggiatore e uno step sequencer polifonico fino a 64 step (fino a 6 note per step) più riposa. Lo strumento fornisce complessivamente 500 preset, più altri 500 in locazioni User a disposizione dell'utente.

Il sintetizzatore Dave Smith Instruments OB-6 sarà disponibile a partire dal mese di marzo, e per qualsiasi informazione su questo e altri prodotti firmati dal marchio americano, vi suggerisco di visitare il sito della LEMI, il punto di riferimento per il nostro territorio.