Basso - Suonare il blues

Basso - Suonare il blues
Ciao a tutti gli amici di MusicOff, in questo nuovo articolo cercherò di sintetizzare gli elementi principali di un argomento davvero vastissimo, il Blues; come la maggior parte di voi saprà, il Blues è una forma musicale articolata generalmente in una struttura di dodici misure, caratterizzata dall'utilizzo esclusivo, almeno nelle sue forme più basilari, dell'accordo di dominante.Prendendo come esempio la tonalità di F, utilizzeremo l'accordo di dominante costruito sul primo grado della tonalità (F7), l'accordo di dominante costruito sul quarto grado della tonalità (Bb7) e l'accordo di dominante costruito sul quinto grado (C7).Prima di entrare nel vivo dell'analisi di questa forma musicale, va chiarito un aspetto teorico relativo al concetto di tonalità quando si parla di Blues; per convenzione si usa identificare la tonalità del Blues con la fondamentale dell'accordo di dominante con cui la struttura inizia (F nel nostro caso); ciò in realtà non sarebbe del tutto corretto dal punto di vista armonico, dato che, come sappiamo, l'accordo di dominante F7 si identifica in genere come quinto grado della tonalità di Bb maggiore. Nel caso del Blues però, per convenzione e comodità appunto, si identifica il primo accordo come tonalità, anche se le alterazioni che ci troveremo a suonare nella struttura non saranno propriamente quelle della tonalità di F maggiore.Vediamo ora brevemente alcuni esempi di struttura Blues, partendo dalla più semplice alla più complessa:Esempio 1 - Struttura base:| F7 | F7 | F7 | F7| Bb7| Bb7| F7 | F7 | C7 | C7 | F7 | F7|Esempio 2 – Movimento V-IV grado sulle misure 9 e 10 e V grado sulla misura 12:| F7 | F7 | F7 | F7| Bb7| Bb7| F7 | F7 | C7 | Bb7| F7 | C7|Esempio 3 – Passaggio al IV grado sulla misura 2:| F7 | Bb7| F7 | F7| Bb7| Bb7| F7 | F7 | C7 | Bb7| F7 | C7|Esempio 4 – Sostituzione del movimento V-IV grado sulle misure 9 e 10 con la progressione IIm7-V7:| F7 | Bb7| F7 | F7| Bb7| Bb7| F7 | F7 | Gm7| C7 | F7 | C7|Esempio 5 – Turnaround sulle misure 11 e 12 (due accordi per misura):| F7 | Bb7| F7 | F7| Bb7| Bb7| F7 | F7 | Gm7| C7 | F7 D7 | Gm C7|I cinque esempi sopra elencati, rappresentano solo alcune delle possibilità più comuni di struttura Blues, le varianti possibili sono davvero numerose ed anche molto più complesse addentrandosi nel mondo del Jazz. Già l'utilizzo della progressione IIm7-V7 negli esempi 4 e 5 e del turnaround nell'esempio 5 appartengono più al Blues "jazzistico" che al Blues classico o al Rock-Blues.Veniamo ora al nostro strumento, il basso, ed analizziamo gli elementi fondamentali che ci serviranno per accompagnare un Blues. Come abbiamo visto, l'accordo predominante è l'accordo di settima di dominante costruito sul I-IV e V grado della tonalità. Su ognuno di questi accordi utilizzeremo tre elementi fondamentali:
  • triade maggiore    
  • arpeggio di 7 (tonica-terza maggiore-quinta giusta-settima minore)
  • scala misolidia
Prendendo ad esempio l'accordo di F7, potremo utilizzare:Prendiamo ora la struttura dell'esempio 2 sopra elencato, per vedere in quali diversi modi ed approcci questi elementi possono essere utilizzati per accompagnare un Blues nei diversi contesti musicali. Una delle linee di basso più comuni è quella che utilizza un pattern ripetitivo, una sorta di riff di due misure, su ciascuno dei gradi della nostra struttura Blues:Un altro approccio può essere la costruzione di un walkin' bass più libero e vario:Prendiamo ora le prime due misure dell'esempio 3 e vediamo quattro esempi su come comportarci con il passaggio al IV grado sulla misura 2:Infine passiamo all'esempio 5 in cui andiamo ad inserire la progressione IIm7-V7 sulle misura 9 e 10 ed il turnaround finale:Per quanto riguarda la progressione IIm7-V7 potete far riferimento anche al mio precedente articolo Suonare sul II-V-I Maggiore.Quando costruite un walkin' bass ponete sempre l'attenzione a come si muovono le note di ciascun accordo nel momento in cui si passa da un grado all'altro della struttura, cercando di notare tutte le note in comune o semplicemente vicine tra un accordo a quattro voci ed il successivo; in particolare , per quanto riguarda il Blues, è importante analizzare il I e IV grado (F7 e Bb7 nel nostro caso):Arpeggio di F7 : F-A-C-EbArpeggio di Bb7: Bb-D-F-AbDa notare prima di tutto che il F è una nota in comune tra i due accordi, inoltre abbiamo delle note molto vicine come il A con il Ab, il Eb con il D e il C ad un tono di distanza dal D o dal Bb. Questi elementi posso essere sfruttati per passare da un accordo all'altro senza necessariamente saltare di tonica in tonica, vediamo 3 esempi:Come potete notare le note rimangono vicine nonostante l'accordo sia cambiato, il F viene ripetuto ma cambia ruolo (da tonica a quinta) al cambiare dell'armonia, le altre note vengono semplicemente "mosse" il minimo indispensabile per enfatizzare il cambio di accordo, riuscendo in questo modo a suonare frasi simili su entrambi gli accordi, ottenendo un effetto musicale molto efficace. Questo modo di ragionare è di importanza fondamentale anche per l'aspetto melodico-solistico del Blues!Come ho anticipato all'inizio dell'articolo, per quanto apparentemente semplice, il Blues rappresenta un mondo musicale vastissimo, caratterizzato da moltissime variabili armoniche e di struttura. In questo articolo ho cercato di dare gli elementi fondamentali per entrare in questo universo musicale, che ha influenzato gran parte della musica del '900, trasversalmente dal Jazz al Rock.
Spero quindi di essere stato sufficientemente esaustivo per quanto riguarda gli aspetti basilari del Blues dal punto di vista bassistico, anche se ci sarebbe ancora molto da dire, imparare e soprattutto ascoltare, per me prima di tutti!Buono studio e buon divertimento!Alessandro Cefalì