Amplificatori - George Dennis "The Blue"

Amplificatori - George Dennis "The Blue"
The Blue è un amplificatore interamente valvolare proposto in 4 versioni, combo 60/100W, testata 60/100W. La sezione pre è composta da 5 valvole ECC83 (12AX7) che permettono di gestire fino a 4 canali separati mentre quella finale da 2 (modello 60W) o 4 (modello 100W) E34L (EL34) tutte marchiate JJ/Tesla. Anche i poderosi trasformatori sono costruiti dalla stessa casa e vantano una qualità ineccepibile visto che sono usati anche in ambito Hi-Fi. Caratteristiche
  • Potenza: 60 o 100W
  • 4 canali indipendenti: clean, crunch, lead A, lead B controlli e volumi indipendenti.
  • Sezione master con controllo volume generale, Cut e Riverbero
  • Riverbero a molle Acutronics
  • Loop effetti tipo serie
  • Uscita "direct out" bilanciata
  • Selezione canali tramite pedaliera fornita di serie
  • Selezione canali tramite collegamento MIDI fornito di serie
  • Altoparlanti Clestion Silver 70
Canale Clean Composto da 5 controlli, Volume, Treble, Middle, Bass più un Dynamic presence che agisce sul controllo delle frequenze più acute. Un pulsante consente di richiamare il canale direttamente dal frontale della testata e troviamo quindi uno switch denominato sweep che agisce come controllo di Bright. Canale Crunch Composto da 4 controlli, Gain, Treble, Bass e Volume. Il controllo dei medi è sostituito con uno switch denominato "middle shift" che a seconda della posizione definisce 2 diversi caratteri del canale. Uno più rock l'altro più blues. Troviamo quindi il pulsante per il richiamo del canale e un switch per l'inserimento di un boost di guadagno. Canali Lead A e Lead B I due canali sono raggruppati assieme nella sezione Lead, hanno un controllo indipendente del Gain e condividono i controlli di equalizzazione che sono: treble, middle, middle sweep, bass e volume. Il controllo middle sweep agisce sulle frequenze medio alte. Quindi troviamo il soliti pulsanti per selezionare i canali e uno switch denominato contour che agisce incrementando le frequenze acute solo sul canale lead B. Il canale Lead A chiamato warm lead ha un suono molto caldo e pastoso e si presta molto per sonorità Blues/fusion, il lead B è molto più grintoso ed è il classico canale amato dal chitarrista rock. Sezione Master In questa sezione troviamo il controllo del volume generale, un potenziometro denominato Cut che agisce come un presence e il controllo per dosare la quantità di riverbero. Quest'ultimo è accoppiato a uno switch che imposta 2 diverse equalizzazioni. Prova del suono Dopo aver acceso la testata The Blue veniamo immediatamente folgorati dallo sgargiante led blu che segnala l'attivazione del canale Clean.
Infiliamo il jack e assaporiamo subito la corposità di questo canale ricchissimo di bassi a volontà (spesso scarsi in molte testate) e contemporaneamente molto cristallino e brillante grazie allo switch sweep (incremento degli acuti) e dall'utilissimo controllo dynamic presence.
E' facile passare dalle sonorità molto calde adatte al Jazz a suoni molto bright adatti a ritmiche funky o ad arpeggi rock da condire con delay e chorus.
Passiamo quindi al canale crunch un po' dubbiosi sul fatto che non ci sia il controllo dei medi sostituito da uno switch chiamato "middle shift".
Rimaniamo invece sorpresi dalla versatilità di questo canale: con lo switch in posizione Hi regolando il gain a 5 e con il boost disattivato scopriamo un suono degno del migliore Steve Ray Vaughan, un crunch davvero caldissimo e corposo.
Quando abbiamo già battezzato la The Blue come una testata adatta più al Blues e alla fusion veniamo clamorosamente smentiti attivando i due switch contemporaneamente e alzando il gain a 8. Il carattere della testata cambia completamente e ne viene fuori un crunch da rock grosso e potente capace di accontentare i migliori sostenitori di Van Halen. E' difficile ricordarsi che questo è un canale crunch visto anche gli assoli vengono benissimo con sustain a volontà.
Purtroppo ci dicono che la prova deve proseguire (ci siamo fatti prendere la mano) e passiamo al canale lead.
Guardando il frontale dell'amplificatore ci si chiede come mai questa scelta di mettere due lead (A e B), apparentemente di diverso hanno solo il gain separato e il controllo contour che funziona solo sul lead B.
In vece all'orecchio le cose sono completamente diverse!
Il lead A (chiamato anche warm lead) ha una sonorità caldissima molto adatta al blues e alla fusion, l'intervento sul controllo gain ci permette di apprezzare come questo agisca anche sulla compressione del suono senza però renderlo troppo distorto e impastato.
Il lead B invece sfodera tutta la sua cattiveria per accontentare il rocker più esigente. Gain e sustain a volontà potendo enfatizzare ulteriormente le frequenze acute grazie allo switch contour.
Da notare per il canale lead il controllo dei medi è suddiviso in medio alti e medio bassi consentendo di imporre al canale caratteri completamente diversi dal blues al Heavy Metal.
Per finire apprezziamo il controllo del volume generale (molto comodo), il riverbero che funziona egregiamente e il controllo Cut che funziona in modo inverso a un presence (aumentandolo il suono diventa meno cristallino) ma che alla fine ha la stessa funzionalità. Conclusioni Il nome George Dennis ce lo ricordavamo per gli ottimi effetti a pedale (ricordate uno dei primi Wha-Wha con controllo ottico?) e ora lo scopriamo capace di costruire una serie di amplificatori veramente eccezionali.
The Blue si può riassumere con molti aggettivi ma quello senz'altro più adatto è "versatilità".
Un amplificatore capace di accontentare veramente tutti senza compromessi.
I 4 canali a disposizione selezionabili anche via MIDI (di serie) e i moltissimi caratteri che può assumere The Blue faranno la gioia di moltissimi chitarristi, sia quelli che cercano un suono personale sia quelli che suonano cover e hanno bisogno di moltissimi suoni facilmente gestibili sul palco.
Per finire la ciliegina sulla torta è il prezzo!
Tutto questa flessibilità e bontà sonora è offerta a un prezzo che farà sicuramente sgranare gli occhi di tutti: 2.600.000 per la testata da 60W e 3.100.000 per quella da 100W. Ricordiamo che G. Dennis è un marchio prodotto nella Repubblica Ceca, se questi amplificatori provenissero dagli USA costerebbero senz'altro il doppio e in ogni caso nessuno si stupirebbe viste le qualità sonore e la flessibilità. Il marchio George Dennis è distribuito in Italia da:

LA Music
www.la-music.it
Via Venezia, 10
35030 Rubano (PD)
Tel: 0348-3676400
e-mail: [email protected]Ascolta il commento e la dimostrazione direttamente dal DISMA