Accordatura - Ponte "Standard"

Accordatura - Ponte "Standard"
A molti potrà sembrare un argomento superfluo, in fondo chi non sa come montare le corde sul proprio strumento ed accordarle di conseguenza? Non si potrebbe suonare la chitarra senza conoscere almeno queste cose fondamentali.Purtroppo invece, parecchie persone (soprattutto chi è alle prime armi), accostandosi allo studio di questo meraviglioso strumento, sottovalutano l'importanza che assume un corretto montaggio delle corde e, solitamente, questi sono proprio gli stessi che in futuro saranno più soggetti a frequenti rotture di corde e/o pesanti scordature.
Con un minimo d'attenzione, qualche trucchetto (e magari una piccola correzione nel proprio modo di suonare...) è possibile far sì che la propria muta di corde possa resistere meglio anche dopo svariate esibizioni e, nello stesso tempo, è anche possibile "scovare" un'eventuale corda difettosa.
A questo punto, lasciamo da parte le chiacchiere, e vediamo il da farsi, passo dopo passo:
  • Prima di tutto, se sono presenti le vecchie corde, sarà meglio evitare di toglierle tutte insieme, è buona norma infatti sostituirle una per una, togliendo la vecchia e montando subito la nuova. Ciò potrà sembrare una precauzione superflua (e probabilmente spesso lo è...) ma in taluni casi può aiutare a stressare meno un manico più sensibile di altri e ad azzerare i tempi di assestamento dello stesso dopo aver effettuato il cambio (ricordatevi che le corde producono una tensione sul manico di svariati chili!). In ogni caso, assicuratevi che il pallino all'estremità della corda sia inserito correttamente nel proprio alloggiamento e che l'avvolgimento poco sopra non si sia impigliato in qualche spigolo o escrescenza all'interno del contrappeso del ponte.
  • Infilate l'altra estremità della corda nel foro dell'alberello della meccanica e avvolgetela dall'alto verso il basso, possibilmente non più di due - tre volte per i ponti fissi e anche meno in presenza di vibrato (ciò è utile per evitare quella sorta di "effetto molla" che è una delle principali cause di scordatura) e in modo REGOLARE, cosicché le spire della corda NON si sovrappongano l'una sull'altra; compiuta questa operazione tagliate l'eccesso della corda lasciandone solo uno o due centimetri. Bisogna però ricordare che esistono dei tipi di meccaniche leggemente diversi da quelle appena descritte. In quelle cosiddette "vintage" (es.: le Kluson montate sulle vecchie Fender o Gibson), l'alberello della meccanica non ha il solito foro passante ma è cavo e presenta una sorta di taglio nella parte superiore. In tal caso, se la corda risulta troppo lunga rispetto alla posizione della chiavetta, non dovete fare altro che tagliarne una porzione, infilare l'estremità nel foro interno all'alberello e avvolgere la corda come descritto sopra.
    Altra importante eccezione è costituita infine dalle cosiddette meccaniche "auto-bloccanti" con le quali non bisogna fare altro che predisporre la meccanica con il foro longitudinale alla chitarra inserire la corda, tirandola forte (quindi SENZA ulteriori giri intorno al perno), e bloccarla stringendo, a seconda del modello, o l'apposita rotella situata sul retro oppure la vite posta sulla sommità dell'alberello stesso (in tal caso dovremo aiutarci con un cacciavite a lama).
    Qualunque tipo di meccaniche monti il vostro strumento, ora accordate la chitarra leggermente crescente, grazie ai passi successivi l'intonazione calerà sicuramente...
  • Tirate forte le corde, una per una, da una parte all'altra per tutta la lunghezza della corda (fatelo in 5-6 punti diversi) ma dedicatevi maggiormente alle porzioni in prossimità del ponte e del capotasto. Anche qui prestate attenzione a non esagerare, le corde hanno un loro limite elastico, state bene attenti a non superarlo!
  • Dopo aver riaccordato, afferrate un piccolo tratto della corda fra pollice e indice e, facendo pressione con le dita, tirate contemporaneamente a destra e sinistra (per intenderci, la corda deve fare una sorta di "S" in quel punto). Fate quest'operazione all'incirca negli stessi punti di prima e ripetete con ogni corda, poi accordate nuovamente.
  • Sempre nei soliti 5-6 punti, tirate le corde verso l'alto e accordate.
  • Ora fate dei bending molto ampi ogni 2 o 3 tasti su ogni corda e riaccordate come sempre.
  • Infine, pennate a corda vuota MOLTO forte sempre nei soliti punti e, se avete uno strumento col vibrato.... beh, usatelo per bene! Ora accordate per l'ultima volta; a questo punto la chitarra dovrebbe essere pronta, se nel frattempo si è rotta qualche corda, non temete, è molto probabile che questa fosse difettosa, per cui montatene una nuova e ripete i passaggi appena descritti.
  • Tags


    Autore


    Redazione

    La redazione di MusicOff è composta da molte menti, molte persone, molti sforzi, che uniti riescono a creare questo magnifico mondo virtuale e il suo universo "editoriale", nella speranza di dare sempre il meglio, in totale trasparenza e onestà, in modo che Moff sia davvero per tutti un valore speciale!